PFAS, BENEDETTI (M5S): IL GOVERNO ATTIVA PROCEDURE PER LO STATO DI EMERGENZA, VITTORIA PER I CITTADINI

Finalmente il Governo ha avviato le procedure per dichiarare lo stato di emergenza nelle zone colpite dall’inquinamento da Pfas in Veneto,

un dramma ambientale prodotto da alcune filiere industriali (padelle, prodotti in pelle, tessuti antimacchia e impermeabili ecc.) che, con la contaminazione di fiumi, falde e acqua potabile, ha coinvolto una popolazione di 350mila abitanti, di cui 85mila sottoposti a screening sanitario, e compromesso la seconda falda freatica più grande d’Europa: la falda di Almisano, in provincia di Vicenza.

Nelle aree maggiormente colpite, la cosiddetta ‘zona rossa’, le analisi cliniche dei cittadini hanno riscontrato una presenza nel sangue di PFOA (un tipo di Pfass classificato dallo IARC, l’Agenzia delle Nazioni Unite per la Ricerca sul Cancro, come potenzialmente cancerogeno) fino a 20 volte superiori rispetto ai residenti in zone non contaminate. E, in base ad un ampia letteratura scientifica, alti livelli di Pfas nel sangue possono essere associati a forti rischi per la salute, come problemi alla tiroide, complicazioni in gravidanza, tumori al rene e ai testicoli.

Dopo anni di battaglie la dichiarazione dello stato d’emergenza è una vittoria per i cittadini, accanto ai quali abbiamo combattuto sul territorio, sostenendo la loro voce anche in Parlamento e nelle istituzioni. Dalla proposta di legge per fissare ‘limiti zero’ alla risoluzione depositata lo scorso maggio per chiedere lo stato d’emergenza, sollecitato di nuovo lo scorso 23 novembre durante l’incontro a Palazzo Chigi tra una rappresentanza del Governo e una delegazione composta da portavoce 5stelle e Comitati cittadini. (LINK)

A quel tavolo si è discusso di tanti aspetti ma, più di tutto, a parlare sono state le analisi del sangue dei figli delle mamme ‘No Pfas’, con i valori ben al di sopra della norma. Per queste mamme e i loro figli – ma non per lo Stato – era già emergenza. Da tanto, troppo tempo. E ora lo è finalmente anche per il Governo, che, in quella sede, si è anche impegnato ad attivarsi per sbloccare gli 80 milioni di euro per il progetto di bonifica dell’area contaminata e fornire così acqua potabile sicura agli abitanti della ‘zona rossa’.

Si tratta di un primo, fondamentale, passo per riconoscere e affrontare un rischio ambientale e sanitario che non riguarda solo il Veneto ma è di interesse nazionale visto che le industrie che producono prodotti contenenti Pfas si trovano in tutta Italia. Ad oggi è infatti noto che i Pfas sono stati rilevati anche nei fiumi di altre regioni italiane. Ora l’obiettivo è di prevenire l’emergenza in tutte le aree a rischio e tutelare la salute pubblica nel rispetto del principio di precauzione.

Così vincono i cittadini, solo così vince anche il MoVimento 5 Stelle!

(Dal Blog:  http://www.beppegrillo.it/2017/12/pfas_e_stato_demergenza_una_vittoria_5stelle_per_i_cittadini.html)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...