CREMAZIONE, SILVIA BENEDETTI (M5S): MAGGIORANZA DIVISA. COLETTO E ZAIA GARANTISCANO MORATORIA NUOVI IMPIANTI E PREDISPONGANO PIANO REGIONALE

“Si conferma l’inadeguatezza mostrata dalla maggioranza regionale di governo ad intervenire in modo unanime in merito alla tematica che riguarda gli impianti di cremazione

con la volontà da parte di alcuni esponenti del centro destra di dare il via libera alla costruzione di forni crematori. E’ palese il vulnus dovuto a un vuoto normativo che abbiamo più volte denunciato, affinchè la Regione si dotasse di un regolamento ad hoc, come previsto dal dlsg 130 del 2001 che all’art. 6 stabilisce la predisposizione di un piano per ubicare gli impianti crematori in base alla popolazione e a stime ragionate di crescita del servizio. Tutto ciò ancora non avviene, esponendo il territorio alla ingordigia di privati che vedono in questo campo la possibilità di fare business.” E’ quanto dichiara la deputata Silvia Benedetti (M5S) in occasione del deposito in Commissione Sanità a Palazzo Ferro Fini di un progetto di legge presentato da 5 esponenti della maggioranza per interrompere la moratoria sulla costruzione di nuovi impianti crematori.

“Il fatto che la maggioranza non riesca a trovare un accordo su una questione non secondaria come questa anche per il rilevante impatto ambientale che implica, la dice lunga sulla credibilità di una classe politica divisa al proprio interno e incapace di prendere decisioni coerenti e razionali per risolvere i problemi del territorio.” Prosegue la deputata.

“Il Veneto ha bisogno di regole chiare, anche per sfuggire da chi vuole lucrare in questo campo, come le ditte private senza scrupoli  disposte a pagare ricchi canoni di concessione alle amministrazioni comunali  per realizzare in project-financing la costruzione di forni crematori con gestione privata.” Aggiunge Benedetti.

Sarebbe grave se l’assessore Coletto, che ha dimostrato disponibilità ad accogliere le proposte di moratoria da parte dei comitati cittadini e dei consiglieri comunali e regionali del M5S che ha incontrato, oggi tornasse sui suoi passi per le pulsioni inspiegabili di un pezzo della sua maggioranza. Coletto e Zaia continuino a garantire la sospensione della costruzione di nuovi impianti non facendosi condizionare e provvedano subito alla predisposizione di un piano regionale che regolamenti il settore crematorio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...