VIDEO – Pfas, il disastro continua

“L’acqua che esce dal canale Arica ricorda quella degli anni 70-80 quando non esisteva pressoché alcun sistema di depurazione per quel che usciva dal ciclo della concia”: basterebbe questa testimonianza di qualche residente di Cologna Veneta per rendersi conto di ciò che viene scaricato in questi giorni sul Fratta.
Con alcuni attivisti sabato abbiamo effettuato un sopralluogo per verificare le condizioni del crocevia idrico che nel bene o nel male condiziona mezzo Veneto, risultati:
– il fiume Fratta, già con evidente scarsità d’acqua presente per la siccità, non riceve la quantità di acqua prevista dal LEB, ridotto ai minimi termini dai lavori della centrale Enel di Belfiore;
– nonostante il netto calo del livello del fiume, non è minimamente calata la portata del tubo Arica che sversa gli scarichi dei depuratori vicentini, già di per sé, almeno a vista, più densi e scuri.
Risulta incredibile come non sia stata approntata alcuna iniziativa per ridurre l’inevitabile impatto ambientale, tanto più in questa fase critica di scarsità d’acqua. Risulta altresì che ARICA, il consorzio che riunisce i 5 depuratori sopracitati, possa utilizzare un impianto di pompaggio direttamente dall’Adige nei casi in cui il canale LEB non sia in grado di fornire i metri cubi d’acqua necessari per la vivificazione ambientale. Tale impianto non risultava stranamente in funzione, come mai? E ancora, vista la scarsità d’acqua, come mai il consorzio ARICA non ha diminuito la portata dello scarico? Forse si sarebbe dovuto chiedere al distretto della concia di rallentare il suo ciclo produttivo?
In un momento di secca come questo che sta provocando notevoli preoccupazioni in tutto il mondo agricolo, non riusciamo a capacitarci di come, con tanta leggerezza, si possa concedere che la poca acqua a disposizione venga compromessa in questo modo nel silenzio più generale..
Per quanto ancora il bene comune più prezioso e la sopravvivenza di un intero territorio dovranno essere messi in pericolo per garantire gli interessi economici di alcuni?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...